Il tempo che fu 
TL
Highlight for Album: Emigranti
BB
Album: Emigranti

Belle, interessanti, commoventi le foto nei nostri emigranti di inizio secolo, che ci presenta Mario Dalmazzo. E non sono soltanto gli italiani del sud che emigrarono negli Stati Uniti, Canada e America del Sud: ci furono anche i liguri e piemontesi, come questi emigranti del cuneese. Per una attenta ricostruzione delle vicende storico sociologiche legate al fenomeno dell'emigrazione si veda la recensione dell'ottimo libro di Poinard che trovate nella sezione "recensioni" del nostro sito.
Last change: 07/16/10
Contains: 2 items.

TL
Highlight for Album: Dancalia
BB
Album: Dancalia

Dancalia (Etiopia) 1928-29 e 1995, di Antonio Biral. Etiopia anno 1928, l'italiano Ludovico Nesbitt per la prima volta nella storia percorre da sud a nord l'inesplorata Dancalia, un'area geografica tra le più torride e inospitali della terra, con temperature che raggiungono i 60 C. Attraverso la Depressione Dancala (120 m sotto il livello del mare) e la Piana del Sale, raggiunge, dopo mille peripezie, Dallol e la costa del Mar Rosso. Etiopia anno 1929, un altro italiano, Raimondo Franchetti, alla testa di una carovana formata da un centinaio di uomini e di altrettanti cammelli attraversa la Dancalia da est a ovest, e precisamente da Beilul, sul Mar Rosso, a Macallé. Etiopia 1995, Antonio Biral e altri nove compagni, dei quali tre donne, con una carovana di cammelli ripercorre il tratto più impegnativo dell'esplorazione del 1928. Dal lago salato Afrera alla Piana del Sale. Sfidando condizioni climatiche proibitive tra popolazioni poco tolleranti e imprevedibili, gli Afar.
Last change: 08/15/10
Contains: 10 items.

TL
Highlight for Album: La transumanza
BB
Album: La transumanza

Belle foto di pastori raccolte da Mario Berruti. Lo sviluppo della pastorizia in alta Valcamonica (provincia di Brescia), favorito dalla presenza di molti pascoli sopra i 2000 metri difficilmente raggiungibili dal bestiame grosso, può essere fatto risalire senza dubbio ad epoche assai remote. Eppure, nonostante questa attività economica per secoli sia stata ininterrottamente presente nel paesaggio sociale delle valli bresciane, conoscendo la sua crisi tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, quella del pastore è sempre stata avvertita come una figura ai margini, scarsamente integrata rispetto alla comunità degli umani, della quale non condivideva stabilmente nè lo spazio, il luogo di residenza, nè il calendario e il tempo. Tra fine maggio e i primi di giugno era il momento di recarsi ai pascoli alti, a fine settembre quello di ridiscendere al villaggio; al principio di ottobre si partiva per la pianura - il Lodigiano, il Cremonese, la Bassa bresciana - per ritornare in valle nella seconda metà di maggio. Transumanza invernale e transumanza estiva erano gli eventi in cui si divideva l'anno dei pastori. Questa separatezza, sancita dallo stesso gergo, il gavì, che essi utilizzavano per distinguersi e riconoscersi tra loro, ha suscitato spesso la diffidenza e l'ostilità sia dei valligiani che dei contadini della pianura, creando difficoltà al lavoro e condannandoli a una condizione di estrema solitudine.
Last change: 08/10/10
Contains: 8 items.

TL
Highlight for Album: Aerei
BB
Album: Aerei

Aerei 1915 - 1918, di Mario Dalmazzo. Prima guerra mondiale 1915-1918. Gli aeroplani cominciano ad essere impiegati come strumenti di guerra e, soprattutto agli inizi, per la ricognizione. Siamo sul fronte alpino; un aereo sorvola le linee, un altro ha compiuto un atterraggio forzato su di un prato. C'è però chi pensa all'aereo come mezzo di viaggio e di esplorazione turistica, così come viene immaginato nella foto per sorvolare un panorama insolito, la città di Firenze, immaginato ma pronto a divenire realtà non molti anni dopo. Divertente la quarta foto: è del 1914, quando ormai la guerra era imminente e le nostre truppe alpine erano già schierate sulle montagne del confine austroungarico. Nonostante la tragedia imminente, ci si diverte ad immaginare un uso del nuovo mezzo per scopi meno drammatici: sorvolare una città come Firenze, con una visione del futuro decisamente più allegra.
Last change: 08/16/10
Contains: 4 items.

TL
Highlight for Album: Caccia al montone
BB
Album: Caccia al montone

Caccia al montone selvatico in Britisch Columbia (Canada) 1913 - 1918, di Mario Dalmazzo. Qualche volta nei cassetti dei vecchi mobili di casa o nei bauli dalle belle borchie metalliche, relegati nelle soffitte, troviamo delle  scatole di latta per biscotti della nonna o quelle per sigarette orientali: le Turmaq (100 pezzi) che avevano sul coperchio le immancabili piramidi ed un imperturbabile dromedario con il suo conducente,  accanto naturalmente a una palma. Aperte con discrezione, nel loro interno troviamo talvolta delle vecchie lettere ingiallite, un  fiore secco, un “santino” con tanto di reliquia, e qualche vecchia foto. Ricordi, tracce, di cose e persone che ormai non sono più e che riemergono alla nostra memoria, o sono del tutto dimenticate, e quindi riscoperte e ritrovate alla vista di quelle poche cose. Vogliamo qui presentarvi queste sei foto, così appunto ritrovate, che ricordano qualcuno che non abbiamo mai conosciuto e che  lo fanno rivivere per noi. Giacomo era nato in una alta valle delle Alpi occitane ed aveva lasciato quei monti per andare in altre valli assai lontane, trascinato forse dal vento del momento, la corrente di emigranti che seguiva la famosa corsa all’oro che in quel tempo, circa il 1912, era orientata verso la British Columbia nel lontano Canada. Non cercava l’oro, cercava la sua vita che rapidamente si concluse qualche anno dopo, come dice la sua ultima  foto del 1918. Quello che forse amava di più era la caccia e queste foto ci raccontano la sua passione  attraverso le immagini che vi presentiamo senza commento perché da sole raccontano le sue avventure con tre amici dei quali non sappiamo nè il nome nè la nazionalità. Lui è quello con i baffi, quello che tiene in mano le corna del cervo ucciso e con i trofei, quello più alto.
Last change: 07/17/10
Contains: 6 items.

TL
Highlight for Album: Empire Homes
BB
Album: Empire Homes

Stupende immagini di fine '800 (agli albori della fotografia), tratte da una pubblicazione sullo "Stato dell'Impero", edita a Londra nel 1897. E' diviso per argomenti: i mestieri, le case, il territorio, i mezzi di trasporto, ecc. Sono due grossi volumi pieni zeppi di fotografie, e danno un'immagine fedele dell'Impero Britannico di fine '800. Nonostante siano fotografie, abbiamo inserito qui queste immagini, perchè rappresentano veramente l'alba del reportage di viaggio.
Last change: 08/10/10
Contains: 9 items.

TL
Highlight for Album: Sinfonie di antiche borgate
BB
Album: Sinfonie di antiche borgate

"Sinfonie di antiche borgate",che abbiamo presentato nelle nostre recensioni, è un libro da vedere e godere con gli occhi. Ecco perchè vi offriamo qui una serie di illustrazioni tratte a caso, ma non tanto, perchè ci sembra interessante, oltre che per i bei disegni, anche come un invito a viaggiare nelle valli meno note delle nostre montagne, e scoprire culture che ormai stanno sparendo. Si può viaggiare alla ricerca di un passato anche facendo pochi chilometri lontano da casa e mantenere quella curiosità che è la molla della nostra passione, viaggiare e conoscere qualcosa del nostro mondo che se è sempre pi piccolo, è sempre pi da scoprire in ogni suo angolo. Qui implicitamente si parla di un mondo forse poco noto, il mondo occitano, di antiche memorie ma anche di realtà riaffioranti e riemergenti che vogliono essere riconosciute. "Sinfonie di antiche borgate" è un omaggio a quei nostri avi, uomini e donne che hanno costruito e fatto crescere la civiltà alpina. Le loro abitazioni sono un vero libro aperto,sono anche la nostra memoria, quella di tanta gente. Se una casa crolla, scompare una parte della nostra identità culturale e il ricordo si affievolisce sotto le sue rovine.
Last change: 08/10/10
Contains: 18 items.

TL
Highlight for Album: Guerra Italo-Turca
BB
Album: Guerra Italo-Turca

La guerra italo-turca (1911-1912) nelle foto di Oddino Dalmazzo tenente degli alpini del battaglione Mondovì. Nella rubrica “Il viaggio” c’è un breve scritto che ricorda questo evento visto dai racconti di mio padre che vi partecipò come ufficiale degli alpini e in “Immagini” in “Prima della foto”, una specie di fumetto, ante litteram, dell’epoca che ne ricorda alcuni episodi. Qui a completamento inserisco una serie di foto che ho scelto fra quelle lasciatemi da mio padre e che illustrano, anche se in molti casi mancano precisi riferimenti, didascalie, date e nomi, la vita delle truppe alpine portate per la prima volta ad affrontare un clima, un nemico ed un luogo per loro insolito. Le ritengo interessanti per ricordare e rivivere una esperienza che ormai anche se non molto lontana nel tempo abbiamo un po’ dimenticato anche quando andiamo a visitare quel paese che, come ho già detto in altra nota, si sta aprendo al turismo in modo notevole ed è meta di un gran numero di visitatori. Ricordo che già in “Immagini”, in “Archeologia” avevo proposto le foto di Leptis Magna allora ancora coperta dalle dune e che gli alpini nelle ore di sosta in un certo senso iniziarono a scoprire e documentare. Fu proprio in quella zona che si ebbero molti combattimenti nella primavera del 1912 Sono comunque memorie di persone e vicende che ci appartengono comunque le si vogliano giudicare. Mario Dalmazzo
Last change: 08/16/10
Contains: 34 items.

TL
Highlight for Album: Birmania 1880
BB
Album: Birmania 1880

La galleria Nepente di Milano (via A.Volta 15) espone nel periodo 9/11-23/12/2005 una collezione di fotografie risalenti al 1885, sulla Birmania, un paese che noi viaggiatori privilegiamo fra i tanti, e che per moltissime ragioni amiamo in modo particolare, anche per la penosa situazione politica di una dura dittatura militare di matrice comunista. Abbiamo chiesto alla galleria di pubblicarne nel nostro sito una piccola selezione e vogliamo qui ringraziarla per averci concesso l'autorizzazione a pubblicare. Le foto sono opera di un fotografo italiano anche se naturalizzato inglese,, Felice Beato (1835-1908) veneziano di nascita, che nella sua vita ha girato il mondo, anche al seguito delle campagne militari inglesi, dal Medio all'Estremo Oriente, fino a stabilirsi in Birmania, ove morì nel 1908. Per saperne di più visitate il sito http://www.nepente.com/, e cliccate su Art Gallery.
Last change: 08/10/10
Contains: 18 items.


Powered by Gallery v1 RSS